Le migliori cravatte per gli appuntamenti di fine estate


Stile

Chi ha detto che la cravatta debba essere sacrificata durante la stagione calda? Non è così, lo stile non va mai in vacanza. Basta sapersi orientare tra le proposte, scegliendo i materiali e i colori più indicati. Ecco nostri consigli “stagionali”, buoni tanto per le situazioni formali quanto per le occasioni di svago

Partiamo da un presupposto: lo stile non va mai in vacanza. E se le alte temperature (che, a quanto pare, ci accompagneranno ancora per diverse settimane) e una certa tendenza verso mise più informali può scoraggiare qualcuno dall’indossare la cravatta durante l’estate, d’altra parte proprio nella stagione calda, più che in altri periodi dell’anno, un outfit irreprensibile può fare la differenza. Anche perché, per chi ama l’eleganza, settembre è un’occasione ghiotta: in questo periodo si possono sperimentare tessuti e colori diversi dai soliti.

Ecco allora qualche consiglio per orientarsi nella scelta, da usare però più come indicazioni di massima che come regole rigide. Infatti, le scelte di stile diventano sempre più personali: si parte da alcuni principi generali e poi li si declina secondo il proprio gusto e secondo l’immagine di sé che si intende comunicare. Anche le mode, più che scandire una successione di must valida per tutti, rappresentano un patrimonio comune accumulatosi in diverse epoche, da cui ciascuno può attingere a proprio piacimento.

L’unico elemento comune – che va oltre le mode e le stagioni – è la raffinatezza dello stile e la qualità dei capi. Ne deriva che gli uomini più attenti, quando acquistano un accessorio come la cravatta, lo fanno con l’idea di usarla a lungo, convinti che quell’accessorio li completi e rappresenti una parte della loro personalità.

Scopri la nostra collezione di cravatte stagionali

Tessuti e colori freschi

Il caldo apre le porte a tessuti freschi e leggeri. Largo al cotone per tutti gli indumenti, e al lino, che con la sua caratteristica grana offre per camicie e pantaloni una variante di maggiore personalità. Indubbiamente, questo è il periodo dell’anno in cui si può osare di più con i colori: il momento è quello giusto per vivacizzare il proprio guardaroba con tinte pastello come il celeste, il giallo, il rosa o il verde. Piuttosto che per gli abiti e per le camicie, però, è consigliabile puntare su questi colori proprio per una buona cravatta di sartoria. Decisamente da evitare, invece, sia per i vestiti sia per le cravatte, le fantasie troppo chiassose e i colori fluo.

Tinta unita e fantasia

Verde, arancio, grigio e marrone sono alcuni dei colori su cui puntare per le cravatte. Il rosa chiaro è gentile, sobrio e raffinato, e può essere impiegato a patto di non avere la pelle troppo abbronzata. Passando alle fantasie, c’è spazio per jacquard geometrici e floreali che si ispirano magari ai colori dei quadri, e poi per pois, stelle, rettangoli, micromotivi su fondo tinta unita che trasmettono eleganza ma anche spensieratezza e gioia di vivere. E su un doppiopetto caramello, perché non azzardare qualche divertente fantasia con motivi bordeaux, albicocca o cioccolato?

Il grande blu

Ma l’estate è anche sinonimo di mare, con tutte le suggestioni cromatiche che ciò comporta. Non deve mancare nel vostro cassetto almeno una buona cravatta blu, magari di seta sottilissima da abbinare a camicia bianca e abito mono o doppiopetto, tinta unita o anche a righe. Oltre al blu, entrano in gioco tutte le sfumature più chiare, dall’azzurro al turchese, e le cravatte impreziosite con motivi tipicamente marinari.

Mai perdere l’equilibrio

La maggiore libertà nei colori e nelle fantasie, rende necessaria la massima attenzione agli accostamenti, che devono essere armonici e avere come obiettivo unico l’equilibrio. Il consiglio è sempre lo stesso: usare i contrasti ma mai in maniera troppo marcata. Bisogna tenere a mente, infine, che, indipendentemente dalla stagione, l’outfit va sempre calibrato sull’occasione. Per un meeting di lavoro, ad esempio, è opportuno optare sempre per tonalità neutre o tradizionali.