Vacanze invernali: insolito charme


Scoperte

Spesso esclusività fa rima (per molti) con inaccessibilità. Eppure basta uscire dai consueti circuiti per trovare luoghi unici, meravigliosi e piacevoli. Ecco alcuni consigli

Il lusso non è solo questione di denaro. La ricerca del bello e del buono, spesso, passa soprattutto attraverso il gusto, lo stile, l’originalità. Così, anche quando si tratta di programmare un viaggio, conviene gettare uno sguardo verso destinazioni insolite, anziché appiattirsi su “classici” di grande richiamo, che magari proprio per questo rischiano di essere troppo scontati o di deludere le aspettative.
Si tratta di declinare il concetto di lusso accessibile sulle vacanze, scovando la piacevolezza ovunque si trovi, e pagando solo per l’effettiva qualità dell’esperienza invece che anche per il “nome”.

Cena vista Dolomiti

Vacanze invernali vuol dire soprattutto località di montagna. Lungo l’arco alpino, oltre alle mete più rinomate, gli appassionati di sport sulla neve amano la stazione sciistica di Porta Vescovo, vera e propria gemma incastonata nelle Dolomiti, raggiungibile da Arabba, in provincia di Belluno. Con i suoi sette impianti di risalita, 11 piste che raggiungono quota 2478 metri di altezza e una pendenza massima del 50%, Porta Vescovo è pronta a offrire un’esperienza unica, sia per lo splendido paesaggio che la circonda (dichiarato, non a caso, Patrimonio Unesco), che per le sorprese riservate agli amanti della buona cucina. Il rifugio Luigi Gorza, infatti, ospita il Viel dal Pan, l’unico ristorante gourmet ad alta quota di tutte le Dolomiti, dove godersi una cena indimenticabile a cura dello chef Ivan Matarese. Riservare uno dei dieci tavoli con vista sul ghiacciaio della Marmolada, gustare piatti ricercati con vini in abbinamento dietro immense vetrate aperte sul gruppo del Sella, davvero non ha prezzo. E il sabato pomeriggio, nello stesso rifugio, è possibile godersi un aperitivo chic con tanto di dj-set.

Courchevel per tutti i gusti

Tra le mete sciistiche più rinomate d’Europa, amata da vip e celebrity, c’è la francese Courchevel: 150 chilometri di piste nella regione della Savoia, alle porte del Parco Nazionale della Vanoise. Questa località di grande charme non offre soltanto impianti sportivi modernissimi, ma anche un’enorme quantità di boutique, terme, eventi culturali e ben sette ristoranti con stelle Michelin. Courchevel è così blasonata da attrarre turisti da ogni parte del globo, ma non tutti sanno che è costituita da cinque villaggi diversi: il più noto (e inflazionato) è quello più ad alta quota, Courchevel 1850, ricco di strutture lussuose, ma anche affollate. Per vivere un’esperienza più rilassante e forse ancora più esclusiva, meglio puntare sul piccolo villaggio di Le Praz (anche detto Courchevel 1300), con un centro storico caratteristico e strutture di primo livello. Courchevel 1550 è invece il più consigliato per le famiglie.

Oasi di relax

Per chi intende le vacanze invernali come un’occasione di puro relax in cui dedicarsi al proprio benessere psicofisico, la scelta giusta è un bel centro termale che offra trattamenti luxury, ma le cui vasche non siano troppo gremite.
Il Kalidria, hotel a cinque stelle a Castellaneta Marina (in provincia di Taranto), ospita la Thalasso SPA, 3.500 mq di centro benessere con ben due piscine di acqua di mare, un percorso Acquatonico Marino e un’Oasi esterna con vasche idromassaggio. Inoltre sauna, bagno turco, area fitness e percorsi corpo e viso per una perfetta remise en forme, con l’acqua dello Ionio nel ruolo di assoluta protagonista.

Guardando a Est, rilassanti e suggestive sono le terme di Rimske, nel comune di Laško, in Slovenia. Questo complesso, costituito da tre alberghi di prima categoria e ben 450 mq di vasche e piscine, è immerso nei boschi e vanta più di duemila anni di storia: gli antichi romani già conoscevano la qualità curativa delle sue acque, in cui usava immergersi persino Carolina Bonaparte. Nonostante il suo lungo e aristocraticissimo curriculum, si tratta di un centro ancora non molto noto nel nostro Paese e, proprio per questo, una destinazione da non lasciarsi sfuggire.

Benvenuti al sud

Chi preferisce trascorrere le vacanze invernali al caldo, non ha bisogno di raggiungere mete troppo lontane: una settimana sulle spiagge del Mar Rosso è decisamente più accessibile. Dahab, a soli 80 km dalla più cheap Sharm-el-Sheikh, offre la possibilità di fare immersioni, escursioni in cammello o belle passeggiate sul lungomare. Se si desidera invece il massimo della tranquillità, si può prenotare un albergo con ogni comfort a Makadi Bay, dove – oltre agli sport acquatici – i tanti bazaar offrono la possibilità di fare shopping.

Gli appassionati di enoturismo, infine, accantonino senza rimpianti l’idea di un tour nelle cantine della Borgogna e si rechino nella più vicina e soleggiata Sicilia. La viticoltura in questa regione, con i suoi 107 mila ettari di terra, è tra le più estese d’Italia, e il primo rapporto sul Turismo Gastronomico Italiano l’ha premiata tra le migliori destinazioni nazionali per un viaggio enogastronomico. Sarà bello godersi un bel sorso del liquoroso Marsala o del dolce Zibibbo, visitando intanto le incredibili bellezze della zona. Per uno Chablis c’è sempre tempo.

Il servizio di spedizione dei nostri prodotti riprenderà lunedì 26 agosto. Prosegui pure nei tuoi acquisti online: ti verranno recapitati a domicilio subito dopo il periodo estivo.The shipping service of our products will resume on Monday 26 August. Continue your online purchases: they will be delivered to your door immediately after the summer period. Ignora